Benvenuti sul sito di Angy C. Argent Autrice

Le Mezzelane Casa Editrice-

Oakmond Publishing-

Nulla Die Casa Editrice-

 

Raccolta poetica dedicata all'amore, ai suoi colori, emozioni e sensazioni. Parole che regalano un tono di voce a ogni sfumatura dell'amore per carpirne il senso, il significato profondo che l'autrice ha voluto condividere con i suoi amici lettori. 

Le sfumature d'amore sono i sentimenti: l'affetto, la passione, la tenerezza, la rabbia, la gelosia, l'ossessione, la pazienza, la benevolenza, la compassione e tanti altri non meno importanti. Questi sentimenti sono gli strumenti che ci permettono di costruire l'amore, di rendere reale l'Idea dell'amore, perché l'amore è solo un concetto che può e deve essere espresso al meglio con i mezzi che esso stesso ci fornisce e con la nostra pazienza e il desiderio di vedere realizzati i nostri sogni.

Possiamo immaginare l'amore come una grande scatola ben confezionata dove, all'interno, siano riposti tanti regalini -i sentimenti- , ora sta a noi utilizzare questi magnifici doni per creare.

Oppure possiamo immaginare l'amore come un oceano che è formato dalle acque di tanti fiumi e affluenti, che sono in questo caso i sentimenti, noi dobbiamo solcare questi corsi d'acqua nel modo adeguato se vogliamo arrivare a confluire nell'oceano e divenirne parte. Oppure lo possiamo raggiungere in macchina, in autobus o a piedi ma non ne faremo mai parte veramente.

L'amore non è solo quello che si prova per un marito e che comunque sarà un sentimento diverso da quello che si prova per un figlio o una madre, ma non per questo meno importante, ma è anche amore per la vita, la natura.

Le poesie della raccolta "Sfumature d'amore" contengono tutte uno scenario naturale dipinto sullo

sfondo: il mare, la campagna, i colori della natura.

Troverete anche tre storie d'amore: una ci narra come due persone siano ancora insieme dopo tanti anni, quali meccanismi hanno tenuto insieme questa coppia? La seconda parla di un uomo disilluso, addolorato, che non crede più nell'amore eppure...ogni gesto, ogni scelta che compie, rivela che egli spera ancora di trovare la persona giusta. L'ultima è il dipinto di un amore antico, come quello dei nostri nonni o bisnonni. L'amore che non chiedeva ma dava sempre, l'amore semplice e genuino, l'amore che sapeva sacrificare qualcosa in nome dell'altro.

Però, siccome l'amore non è solo quel bel sentimento che si nutre quando le cose vanno bene, ci sono anche poesie dedicate alla sofferenza, alla malattia e alla morte. L'amore si manifesta anche e, forse, soprattutto in queste condizioni di disagio. Ecco che il sentimento della benevolenza e della compassione mantengono vivo l'amore anche nei momenti più duri. Le poesie sono tutte un inno alla speranza, la speranza che l'amore ci sopravviva e che lo possiamo ritrovare anche dopo la morte.

La silloge si apre con una poesia: Carpe diem che sottolinea come ogni istante della vita vada vissuto, senza perderne un attimo, perché il tempo non è altro che un'illusione e quello che viviamo anche solo per un giorno rimarrà a farci compagnia e sarà importante. Per questo si dovrebbe sempre vivere in armonia con la natura e le persone, per non avere nulla da rimpiangere. La raccolta si chiude con la dipartita del protagonista dell'ultima poesia, una morte attesa, annunciata, desiderata come un amante.

Nella silloge poetica la vita e la morte si inseguono, si toccano, danzano sulle note della stessa musica: l'amore.

 

 

 

In vendita al negozio online della Casa Editrice Le Mezzelane

su IBS

Feltrinelli

Amazon

Di seguito il link del negozio Le Mezzelane per un acquisto più rapido e sicuro, anche del cartaceo

 

Il mare sommerso- Nuova opera in promozione di lancio sul sito NullaDie.

 

Il mare sommerso è un’opera di narrativa composta da poesie che si intrecciano con una prosa poetica schietta, a volte amara e cruda, ma dove la ricerca del vero, della speranza e del proprio io è sempre presente e lenisce i toni cinici di alcuni passaggi. Il testo si dipana attraverso un filo conduttore sostenuto da figure retoriche quali la metafora e l’analogia. Il mare e la natura che ci circondano diventano parte di un tutto legato alla voce narrante. Alla fine del percorso la narrazione assume toni corali e non riguarda più soltanto la vita di una donna, di questa donna, ma la vita di ognuno di noi.

 

La storia raccontata è quella di una donna forte, sicura di sé, la quale ha sempre creduto che, nella vita, ogni cosa fosse o nera o bianca senza vie di mezzo; una donna curiosa e avventurosa, amante della vita, che ha sempre spinto i suoi limiti al massimo: “La vita… Amante fiera che sbrana, riduce in pezzi il cuore e tu schiavo d’amore sei libero di viverla.”

 

Fino al giorno in cui si innamora di una persona affetta da sindrome narcisistica della personalità. Vive una storia ‘sbagliata’, una di quelle storie che, prima, lei stessa avrebbe criticato. E questo rimette tutto in discussione: i suoi ideali, le sue priorità, le sue certezze.

 

Ora sa che “…il dolore è un punto fermo…” che ti stritola nella sua morsa se glielo permetti, che congela i pensieri e le azioni.

 

Per quanti sforzi possiamo fare le nostre scelte sono soggette a subire cambiamenti indipendenti dalla nostra volontà e la vita spesso viene subita, non ci rimane altro da fare che aspettare, preparandoci, per il momento del cambiamento: “…Ero nave in balia dell’uragano. Presi tra le mani il timone, ben saldo. E pregai…” Le sue sovrastrutture si spezzano, come il suo corpo, sotto il peso di una presa di coscienza che la porta a riconsiderare tutti i suoi valori: “…L’inferno esiste. Anch’io l’ho toccato. Le ferite del corpo e dell’anima mutilano per sempre…” Fino ad arrivare al fondo di se stessa, dentro il suo mare sommerso, dove ritrova la speranza, quella vera e salvifica.

 

 

"Le trasformazioni

avvengono sempre 

 

all’alba di un nuovo giorno

 

quando il buio placido si ritira

 

sfumando il suo nero

 

stemperato nella brina mattutina

 

che innocente ignora

 

d’essere un fiore di ghiaccio

 

che uccide germogli.”

 


 

Riscopre quindi la sua anima, la sua vera natura e che ogni cosa nella vita è relativa, non esistono le certezze assolute né la perfezione. Ora è pronta per rinascere: “…Gli occhi videro donne risvegliarsi dal torpore, tenevano per mano le bambine che erano state. Si aiutavano sorgendo dal buio. Anch' io trovai la mia e le parlai. Le dissi: ora, non avrai più paura.”

 



 

 

Le parole hanno un peso: esprimono concetti importanti, fanno divertire o possono ferire.

 

 

  Non esiste una magia come quella delle parole (Anatole France)

 

Le parole sono il diavolo, noi lì a credere di lasciarci uscire dalla bocca solo quelle che ci convengono e, tutt'un tratto, ce n'è una che s'intrufola, non abbiamo visto da dove sia spuntata, nessuno l'aveva chiamata e, a causa di quella parola, che non di rado avremo poi difficoltà a ricordare, la rotta della conversazione cambia bruscamente quadrante, ci mettiamo ad affermare ciò che prima negavamo, o viceversa. (José Saramago)

 

 

Per le donne il miglior afrodisiaco sono le parole. Il punto "G" è nelle loro orecchie. Chi lo cerca più in basso sta sprecando il suo tempo. ( Isabel Allende)